Intelli|sfèra: cifre stilistiche 2019/2020

lla fine ce l’abbiamo fatta: il famigerato e tanto atteso periodo delle vacanze estive è finalmente arrivato. Anche questa volta. Anche per questo 2020.

Perciò almeno per un momento proviamo a lasciarci alle spalle – ma sempre con grande responsabilità – tutto quanto di opprimente ci ha portato il COVID-19 e sposiamo dunque (ce lo saremmo anche meritati) la leggerezza d’animo che è tipica del periodo estivo e delle vacanze.

L’estate, dopotutto, è anche il tempo della leggerezza, del divertimento, della goliardia, della burla anche.

A tal proposito non possiamo esimerci dal parteciparvi che – forse in pochi l’hanno notato – il Sistema di Informazione per la Sicurezza della Repubblica ha preso ispirazione da Intelli|sfèra.

Per carità, nessun plagio – ci mancherebbe – meglio chiarire subito questo aspetto! E’ stato comunque divertente notare come il caso abbia voluto che a pagina 13 della “Relazione sulla politica dell’informazione per la sicurezza” presentata al Parlamento nel febbraio 2019, come apertura al paragrafo “HIGHLIGHTS” (la Crusca avrebbe forse preferito un termine più italianeggiante, ma tant’è…) la Presidenza del Consiglio dei Ministri abbia scelto di usare una delle immagini che Intelli|sfèra da tre anni utilizza nella propria homepage.

Eh si, è proprio vero, è proprio così. Nell’immagine sopra si può vedere, sullo sfondo, la homepage di Intelli|sfèra con la sua tipica immagine “sferoide” che richiama una sorta rete di connessioni. Nel riquadro in primo piano, invece, è riportato lo screenshot (pardòn… l’ “immagine catturata dallo schermo del computer”) della pagina 13 della Relazione al Parlamento 2019.

L’immagine – sulla quale è bene precisarlo Intelli|sfèra non detiene alcun diritto di sfruttamento, essendo stata banalmente acquistata da un service online a pagamento – è chiaramente la stessa.

L’unica differenza osservabile è che in sede di realizzazione del sito Intelli|sfèra fu deciso, per motivi grafici, di ribaltare l’immagine sul piano orizzontale e di inserire un “nodo” di colore rosso, in modo che attirasse maggiormente l’attenzione su un ipotetico “centro” della sfera.

Francamente non sappiamo se i redattori della Relazione o i grafici che hanno lavorato alla sua impaginazione conoscano o meno Intelli|sfèra, né se abbiano mai visitato il sito internet.

Molto più probabilmente sarà accaduto che anche a loro questa particolare immagine (i cui diritti d’uso, lo ripetiamo ancora una volta, sono liberamente acquistabili da chiunque attraverso un famoso service di immagini online) è sembrata rappresentativa di una universalità di nodi, di fonti e entità informative tra loro connesse in una rete di relazioni all’interno del più vasto ambiente che, grazie al Prof. Luciano Floridi, oggi chiamiamo Infosfera.

Già soltanto questa ipotesi ci fa davvero piacere. Resta però il fatto che noi “c’eravamo arrivati” già tre anni fa. Dopotutto è proprio sulle le piccole soddisfazioni che si può costruire qualcosa di più grande.

Buona estate a tutti e soprattutto un grande e sincero “grazie” a chi lavora ogni giorno per la nostra sicurezza. Anche con 40 gradi all’ombra: GRAZIE.

#duemilaventi: Intelli|sfèra si trasforma

Importanti novità all’orizzonte per Intelli|sfèra. Per attuare con maggiore e rinnovata incisività la sua missione originaria – l’innovazione nell’intelligence delle fonti aperte – Intelli|sfèra si trasforma.

Dal 1 gennaio 2020 Intelli|sfèra cesserà ogni attività con finalità di business (consulenza, formazione, ecc.) per dedicarsi unicamente alle attività culturali, scientifiche e di divulgazionefinalizzate alla innovazione disciplinare nell’Intelligence delle Fonti Apertee alla promozione di OSINT comeattività originaria finalizzata all’accrescimento della conoscenza negli individui e nelle Organizzazioni.

Il nuovo assetto vede Intelli|sfera ancora come un “progetto”, una “visione”, una “idea”, ma finalmente ora completamente orientata alla produzione di idee, valori e contenuti per l’innovazione disciplinare nell’intelligence delle fonti aperte e originarie.

I progetti e le idee per la nuova Intelli|sfèra sono già tante e saranno presentati nel corso dei prossimi mesi. Speriamo vogliate seguirci – come avete fatto fino a oggi – anche in questa nuova, entusiasmante avventura.

Intelli!sfèra

Progetto di Strutture OSINT: design e implementazione

Quaderni Intelli|sfèra – Vol 1/2019 (agosto 2019)

Titolo: Progetto di Strutture OSINT: design e implementazione.
Autore: Giovanni Nacci, Stefania Fantinelli, Micol Ruffini
Editore: Intelli|sfèra – Giovanni Nacci
Collana: Quaderni Intelli|sfèra
Anno: 2019
Volume: 1

Leggi l’anteprima e acquista l’eBook Kindle a soli 1,99 oppure il formato cartaceo a soli 6,00€

L’incardinamento di strutture, reparti o nuclei OSINT all’interno delle Organizzazioni è una delle problematiche più complesse nel dominio disciplinare dell’Intelligence delle Fonti Aperte.

Questo primo Quaderno Intelli|sfèra intende offrirsi come una guida metodologica di base, una proposta di percorso di sviluppo “ad hoc” sia per le Organizzazioni che intendano dotarsi di una “struttura OSINT” interna alla propria realtà organizzativa (e che per la prima volta si accingono a implementare un simile progetto di intelligence) sia per le Organizzazioni che hanno già tentato l’internalizzazione di attività OSINT ma hanno dovuto rinunciare al progetto a causa di sopraggiunte complicazioni organizzative (o che comunque pur avendolo implementato non hanno raggiunto i risultati attesi).

Completano il volume tre proposte di checklist da impiegare nelle attività di progettazione e implementazione di risorse OSINT inerenti rispettivamente: 1) la organizzazione di una Unità OSINT, 2) i processi di problem solving e le attività euristiche all’interno del Network delle Fonti ed infine 3) le procedure di validazione delle fonti e del Network delle Fonti.

Giovanni Nacci presenta il suo Microglossario Interdisciplinare per l’Intelligence delle Fonti Aperte (Epoké, 2019)

Giovanni Nacci presenta il Microglossario Interdisciplinare per l’Intelligence delle Fonti Aperte

Giovanni Nacci, Microglossario Interdisciplinare per l’Intelligence delle Fonti Aperte (Epoké, 2019) – Glossario disciplinare, comparato e commentato, per la microlingua della Teoria Generale per l’Intelligence delle Fonti Aperte.

Formato cartaceo e Kindle: https://www.amazon.it/dp/8899647976/

Formato ePub: https://www.bookrepublic.it/book/9788…

Microglossario interdisciplinare per l’Intelligence delle fonti aperte

Titolo: Microglossario interdisciplinare per l’Intelligence delle fonti aperte
Autore: Giovanni Nacci
Editore: Edizioni Epoké
Collana: Ricerche. Scienze politiche e sociali
Anno: 2019
ISBN: 978-88-99647-97-1
ISBN: ePub: 978-88-34145-36-4
ISBN: Kindle: 978-88-99647-91-9

Acquistalo su Amazon

La genesi di una Teoria Generale per l’Intelligence delle Fonti Aperte fondata su prassi concretamente interdisciplinari ha richiesto – come era lecito aspettarsi – lo sviluppo un proprio linguaggio disciplinare (o microlingua) più approfondito, maggiormente espressivo, più ampio di quello offerto dagli Intelligence Studies convenzionali.

Il Microglossario descrive gli elementi costitutivi di questa microlingua, ne approfondisce le origini, ne delinea l’evoluzione semantica, evidenzia i prestiti epistemologici ottenuti dalle altre discipline e sottolinea le differenze con il lessico convenzionale degli studi di intelligence.

Con i suoi 73 lemmi il Microglossario interfaccia il dominio disciplinare della Teoria Generale con quello dell’Intelligence lato sensu e con i domini delle altre discipline. Uno strumento fondamentale per costruire quelle prassi di “interdisciplinarità attuata” che sono l’unico, vero motore dell’innovazione disciplinare, nell’OSINT così come in ogni altra forma di Intelligence presente e futura.