Microglossario interdisciplinare per l’Intelligence delle fonti aperte

Titolo: Microglossario interdisciplinare per l’Intelligence delle fonti aperte
Autore: Giovanni Nacci
Editore: Edizioni Epoké
Collana: Ricerche. Scienze politiche e sociali
Anno: 2019
ISBN: 978-88-99647-97-1
ISBN: ePub: 978-88-34145-36-4
ISBN: Kindle: 978-88-99647-91-9

Acquistalo su Amazon

La genesi di una Teoria Generale per l’Intelligence delle Fonti Aperte fondata su prassi concretamente interdisciplinari ha richiesto – come era lecito aspettarsi – lo sviluppo un proprio linguaggio disciplinare (o microlingua) più approfondito, maggiormente espressivo, più ampio di quello offerto dagli Intelligence Studies convenzionali.

Il Microglossario descrive gli elementi costitutivi di questa microlingua, ne approfondisce le origini, ne delinea l’evoluzione semantica, evidenzia i prestiti epistemologici ottenuti dalle altre discipline e sottolinea le differenze con il lessico convenzionale degli studi di intelligence.

Con i suoi 73 lemmi il Microglossario interfaccia il dominio disciplinare della Teoria Generale con quello dell’Intelligence lato sensu e con i domini delle altre discipline. Uno strumento fondamentale per costruire quelle prassi di “interdisciplinarità attuata” che sono l’unico, vero motore dell’innovazione disciplinare, nell’OSINT così come in ogni altra forma di Intelligence presente e futura.

Vietato lasciare le fonti aperte

Titolo: Vietato lasciare le fonti aperte
Autore: Giovanni Nacci
Collana: Tempi modesti
Anno: 2016
ISBN:  978-88-98452-17-0 (ePub)
Prezzo: 3,99€

Acquista su Epoké

Caro lettore, ad accomunarci è la curiosità, l’interesse e la passione per una disciplina che a noi sembra bella e del tutto particolare: l’intelligence delle fonti aperte. In qualità di esperto di dominio ti sarà capitato almeno di aver dovuto rispondere alla domanda da dodici milioni e mezzo di dollari: “Di cosa ti occupi?”. Se la risposta è affermativa, allora ti sarà familiare quella strana sensazione a metà tra la frustrazione e il fastidio fisico che ti pervade dopo che, con una prolusione di quasi tredici minuti al meglio delle tue capacità logiche, dialettiche, di sintesi e persuasione, arricchita di richiami concettuali, aneddoti esplicativi e riferimenti pratici e il tuo interlocutore se ne esce con un imbarazzatissimo …e sarebbe? Purtroppo, questa situazione si potrebbe presentare in qualsiasi momento della tua vita. Nel mio caso, in un viaggio in treno. Magari è la prima bella giornata di primavera e te ne stai tranquillamente per i fatti tuoi, seduto sulla tua poltrona in prima classe. Viaggi quasi alla velocità della luce e il paesaggio fuori dal finestrino è il tuo salvaschermo personale ad altissima definizione. Impossibile non notare il do not disturb attaccato alla maniglia esterna della tua individualità. Tutto procede bene finora. Ma potrebbe anche capitare che…

P.S. È severamente vietato lasciare le fonti aperte

Open Source Intelligence Application Layer

Titolo: Open Source Intelligence Application Layer
Autore: Giovanni Nacci
Collana:
Anno: 2017
ISBN: 978-88-99647-71-1
Prezzo:  18,00€

Acquista su Edizioni Epoké

(dalla IV di copertina) Anche in questo secondo volume della trilogia dei layer, l’Autore auspica l’avvio di un dibattito finalizzato a dotare l’OSINT di un impianto teorico più robusto, realizzato ricorrendo ai prestiti di discipline caratterizzate da un maggiore rigore formale (borrowing). Per le sue particolarità l’OSINT è perfettamente in grado di produrre servizi informativi di interoperabilità finalizzati alla crescita del proprio apparato teorico e al superamento dei confini disciplinari (boundary crossing) di discipline concettualmente assai lontane: un vero e proprio strumento di integrazione epistemologica infradisciplinare.

Si tratta di una intelligence di fonti, più che di informazioni (le discipline sono le fonti del sapere disciplinare) fondata su quella che l’Autore chiama “dottrina delle fonti” (che comprende anche la conoscenza delle dinamiche ambientali del sistema in cui le fonti operano) oltre che su una completa revisione, in ottica sistemica, del cosiddetto processo di intelligence.

L’obiettivo è un innovativo paradigma di intelligence non più di fonti semplicemente “aperte” bensì “originarie” (Unaffected Source Intelligence), non più una mera tecnica, prodotto o servizio ma un layer di risorse finalizzate alla condivisione di metodi, teorie e prassi disciplinari al quale fonti e discipline liberamente accedono per costruire la risposta alle proprie specifiche esigenze.

Open Source Intelligence Abstraction Layer

Titolo: Open Source Intelligence Abstraction Layer. Proposta per una Teoria Generale dell’Intelligence delle Fonti Aperte
Autore: Giovanni Nacci
Collana: Scienze politiche e sociali
Anno: 2014
ISBN: 978-88-98014-40-8
Prezzo: € 18,00

Acquista su Epoké

Open Source Intelligence Abstraction Layer è probabilmente il primo tentativo italiano di formalizzazione del corpus di conoscenze sulle quali si fonda – o sarebbe corretto si fondasse – l’Intelligence delle Fonti Aperte (OSINT). Troppo spesso l’OSINT è considerata alla stregua di una mera tecnica (o tecnologia) destinata alla realizzazione, attraverso la rete Internet, di prodotti mediatici e di reporting. L’OSINT invece può (e deve) essere una disciplina analitica nel senso pieno del termine, dotata di un proprio sistema di teorie, metodi, sistemi e prassi che come tale merita di trovare una più precisa collocazione all’interno degli intelligence studies. La speranza è che la comunità di intelligence italiana voglia e riesca ad avviare un ampio confronto su questi argomenti, coinvolgendo tutte le discipline che dimostrino di poter contribuire alla definizione di una Teoria Generale dell’Intelligence delle Fonti Aperte coerente e condivisa.